LA TECNOLOGIA ARRIVA A SCUOLA, PARTE IL PROGETTO SMART FUTURE

L’istruzione incontra la tecnologia per migliorare l’apprendimento delle nuove generazioni. 
Si è tenuta oggi presso la classe 2° C della Scuola Secondaria di Primo Grado “Massimo Gizzio”, alla presenza di Stefania Giannini, Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, la visita a una delle 54 classi digitali vincitrici del bando frutto del Protocollo siglato fra Samsung e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nell’ambito del progetto Smart Future. L’incontro odierno ha rappresentato un’importante occasione per fare un bilancio dell’iniziativa con i suoi principali protagonisti e per celebrare un esempio di collaborazione virtuosa tra il mondo aziendale e quello istituzionale.  
Samsung ha avviato una proficua collaborazione con il MIUR, che ha riconosciuto negli obiettivi del progetto un allineamento con l’impegno dell’attuale Governo per evolvere le modalità di apprendimento attraverso le nuove tecnologie. Tale percorso ha portato alla firma di un Protocollo di Intesa, che, attraverso un Bando online pubblicato lo scorso 20 gennaio su “Protocolli in Rete” – il portale che raccoglie le iniziative a favore della diffusione dell’innovazione nelle scuole -, ha individuato 54 classi, 18 di scuole primarie e 36 di secondarie di I grado, su tutto il territorio nazionale, che hanno potuto aderire all’iniziativa e diventare così “smart classroom” grazie alla tecnologia Samsung. In totale, 933 scuole hanno fatto domanda per aderire al progetto, un numero 17 volte superiore a quello previsto dell’offerta, dato che conferma il desiderio delle scuole italiane di innovarsi e di sperimentare nuove soluzioni per la didattica.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

quindici − undici =